Arrivano a Bologna le “Linee guida per la visitabilità”, il nuovo regolamento con cui il Comune di Bologna propone un netto cambio di passo riguardo all’accessibilità per le persone con disabilità di negozi, bar e altri luoghi aperti al pubblico. 

Approvate nel settembre 2021 su impulso di una cordata di più di 15 associazioni di persone con disabilità, con capofila ULDM Bologna, in stretta collaborazione con l’ex Disability Manager Egidio Sosio, tecnici esperti di accessibilità e la passata amministrazione comunale, le “Linee guida” sono un allegato del nuovo Regolamento Edilizio del Comune di Bologna e sono già pienamente in vigore. Mirano a rendere finalmente fruibili da tutti i luoghi del commercio, della cultura e della socialità, in linea con quanto richiesto dalla normativa nazionale e dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. 

Il testo prevede alcune facilitazioni per chi vuole rendere più accessibile la propria attività: ad esempio l’esenzione dalla tassa di occupazione suolo pubblico per le rampe, o la possibilità di tenere sul marciapiede rampe non più lunghe di 50 cm anche senza chiedere autorizzazioni, se lo spazio rispetta alcuni requisiti dimensionali. A fronte delle semplificazioni, a tutti i titolari di luoghi aperti al pubblico è richiesta la realizzazione entro settembre 2023 di un adeguamento dell’accessibilità, individuato secondo appositi criteri, salvo casi di assoluta impossibilità tecnica. 

Le “Linee guida” e i vari servizi accessori, come il servizio di consulenza per esercenti, verranno presentati venerdì 13 maggio dalle 10 alle 13 durante il convegno “Barriere 2.0” all’interno di Exposanità (sala Scarlatti del Pad. 22 di Bologna Fiere).

L’evento sarà aperto da Cristina Ceretti, consigliera comunale con delega a famiglia, sussidiarietà e disabilità, Giuliana Gaspari, presidente FISH Emilia-Romagna e dalle associazioni UILDM Bologna e Rete per l’autonomia, che presenteranno le Linee Guida. Seguirà l’intervento dell’avvocato Alessandro Bardini, dell’associazione Luca Coscioni, sugli strumenti legali che le persone con disabilità possono usare per tutelarsi dalle discriminazioni causate dall’inaccessibilità dei luoghi aperti al pubblico, come la L. 67/2006. Marco Rasconi, presidente di UILDM Nazionale, riporterà poi punti di forza e di criticità emersi dall’esperienza del Comune di Milano, dove un Regolamento Edilizio sull’accessibilità dei negozi è già in vigore da alcuni anni. Nella seconda parte del convegno, i relatori dialogheranno all’interno di una tavola rotonda insieme a Egidio Sosio (neopresidente della Consulta per il superamento dell’handicap di Bologna ed ex Disability Manager), Enrico Ercolani (geometra esperto di accessibilità e presidente de La Skarrozzata), Alice Greco (presidente di UILDM Bologna) e Fausto Bertoncelli esperto di accessibilità di AUS Montecatone. Il programma completo è disponibile qui: http://conv.senaf.it/convegni/8052.pdf

Per scaricare il testo delle Linee guida, il vademecum sull’applicazione e saperne di più sul servizio di consulenza: www.uildmbo.org/it/cosa-facciamo/progetti/linee-guida-visitabilità.html

Lascia un commento