Riparte il calendario di appuntamenti organizzati dalla Fondazione Gramsci Emilia-Romagna dedicati ai recenti cambiamenti politici del mondo contemporaneo.

Le proteste in Iran sono ormai al centro dell’attenzione mediatica in tutto in mondo, a seguito dell’uccisione di Jina Mahsa Amini e del successivo scoppio del movimento di protesta.

Venerdì 20 gennaio, alle ore 17, si svolgerà l’evento ‘Convergenze, genealogie ed eccedenze. Riflessioni sulle proteste in Iran‘ nella Sala Farnese di Palazzo D’Accursio. Paola Rivetti (Dublin City University) e Francesca Biancani (Università di Bologna) partiranno proprio da questo tema e avvieranno una riflessione cercando di effettuare un’analisi accurata dei recenti avvenimenti in Iran, dalla loro composizione sociale ai loro punti deboli, fino al loro potenziale futuro.

Dalle proteste in Iran al conflitto in Ucraina: fino al 16 febbraio, dalle ore 17.30, sono previsti tre incontri a un anno dallo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina che si svolgeranno nella Sala Tassinari (Piazza Maggiore, 6) – ingresso piano terra dal cortile di Palazzo D’Accursio.

Gorbačëv e il collasso sovietico. Uno sguardo retrospettivo dalla crisi attuale

Mercoledì 1 febbraio 2023

con Silvio Pons (Scuola Normale Superiore di Pisa) e Adriano Roccucci (Università Roma Tre);

 L’Ucraina e Putin

Giovedì 9 febbraio 2023

con Andrea Graziosi (Università di Napoli Federico II) e Antonella Salomoni (Università di Bologna, Università della Calabria)
A partire da L’Ucraina e Putin tra storia e ideologia di Andrea Graziosi (Laterza, 2022);


Showar. Figure e immagini della guerra

Giovedì 16 febbraio 2023 con Cristina De Maria, Anna Maria Lorusso e Marco Santoro (Università di Bologna)

Per ulteriori informazioni visitare il sito della fondazione:
https://www.iger.org/

L’immagine di copertina è di Cristina Donati Meyer, Carri disarmati, Milano.

Lascia un commento