Anche quest’anno torna “Il Nastro Verde”, la rassegna di ateneo dedicata al cinema sostenibile con il fine di avvicinare il più possibile i cittadini e la comunità universitaria alla riflessione sui temi ambientali e dello sviluppo sostenibile, di forte attualità.

Giunta quest’anno alla quarta edizione, l’iniziativa vede l’organizzazione dell’Area Edilizia e Sostenibilità dell’Alma Mater in collaborazione con il Dipartimento delle Arti, il DALMSLab e il corso di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Unibo.

Il programma di quest’anno, dal 30 novembre al 14 dicembre, annovera tre date e una proiezione in più presso l’Auditorium DamsLab, in Piazzetta Pier Paolo Pasolini a Bologna.

Ad ogni proiezione, inoltre, farà seguito un dibattito con due esperti delle tematiche trattate: dalla precarietà del lavoro al razzismo, dal turismo sostenibile alle disuguaglianze sociali, dal surriscaldamento a varie altre.

“L’Alma Mater persegue in tutte le sue azioni l’obiettivo dello sviluppo sostenibile, per contribuire a migliorare il benessere della comunità che vive gli spazi universitari e per incentivare l’adozione di comportamenti più attivi e responsabili all’interno della propria comunità e nella società. Attraverso questa iniziativa vogliamo offrire un’occasione di riflessione pubblica, coinvolgendo anche giovani ricercatori dell’Ateneo che contribuiscono a sviluppare approcci innovativi sul tema”  afferma Simona Tondelli, Prorettrice Vicaria dell’Università di Bologna.

Anche in questa edizione 2022, per due delle tre pellicole in programma, sarà possibile seguire le serate non solo in sala presso l’Auditorium del DAMSLab ma anche in streaming, con la possibilità di partecipare al dibattito attraverso una chat online dedicata.

Per informazioni e per scoprire il programma completo clicca qui.

Lascia un commento