Il progetto Ancora 2.0 sta cercando associazioni e cittadini impegnati a coinvolgere la cittadinanza e le persone straniere in percorsi di integrazione. Il progetto è finanziato dal Fondo Asilo, Integrazione e Migrazione e promosso sul territorio della città Metropolitana di Bologna dalla Cooperativa sociale Arca di Noè. L’obbiettivo è quello di sostenere le persone straniere, singoli o famiglie, titolari di un permesso per protezione internazionale usciti dai progetti di accoglienza da un massimo di 18 mesi, non solo lavorando sulle risorse per il sostegno alla casa e al lavoro ma rafforzandone anche i legami sul territorio.

Le associazioni di volontariato e singoli cittadini e cittadine che parteciperanno al progetto in qualità di tutor territoriali per l’integrazione saranno chiamati a instaurare un rapporto di fiducia con le persone rifugiate che saranno coinvolte nelle attività. Un tutor territoriale affiancherà ogni beneficiario, con cui verrà stabilito un percorso personalizzato in base alle sue esigenze e ai suoi interessi specifici.

Il progetto prevede anche un percorso di formazione per i tutor territoriali per rafforzare le loro competenze su tematiche come il lavoro di cura e la mediazione dei conflitti in un’ottica interculturale e la conoscenza dei servizi e delle reti per l’integrazione esistenti sul territorio.
Arca di Noè ha già cominciato gli incontri di formazione online il 29 maggio. Seguiranno altri tre incontri: uno previsto per sabato 5 giugno e due che si svolgeranno nella seconda metà di settembre.

Coloro che sono interessati al progetto ma sono impossibilitati a partecipare alla formazione in queste date possono comunque contattare la cooperativa per informazioni su un secondo ciclo di formazione che si svolgerà in date da definirsi.

Per informazioni scrivere a fami.ancora.bo@arcacoop.com oppure chiamare il numero 3492938469.
Per le iscrizioni è necessario compilare
questo form.

Lascia un commento