Stare a casa non è soltanto un dovere dettato dal governo ma è anche un gesto di solidarietà nei confronti di tutta la popolazione. Restando separati e il più possibile isolati nelle proprie abitazioni si dimostra la vera forza dell’unione. La risoluzione all’emergenza sanitaria risiede nel comportamento dei singoli cittadini nonché nella propria coscienza.
Bisogna ricordare che ogni crisi porta con sé una evoluzione. E’ certamente difficile vedere qualcosa di positivo in questo periodo storico ma è altrettanto possibile che i cambiamenti che hanno origine oggi, a causa dell’emergenza Coronavirus, un domani apportino qualche beneficio per la vita di tutti.
Una prima constatazione è possibile farla vedendo l’attuazione dello studio e del lavoro in via telematica, ove è stato possibile. La rapidità dell’evoluzione della tecnologia, prima usata in maniera sicuramente inferiore, ora dalla maggioranza dei cittadini, permette a molti di continuare a svolgere le attività da casa limitando il pericolo di contagio. Quasi una forzatura che però mostra giorno dopo giorno un ventaglio di risvolti positivi.
L’Istituzione Bologna Musei aderisce a pieno a questo regime telematico organizzando numerose attività per concretizzare una ricca offerta artistica e culturale per tutti i cittadini in questi giorni così difficili e che sembrano non avere fine. Un elenco ricco e variegato con proposte per tutti i palati.

2 minuti di MAMbo
Fino al 5 aprile un nuovo video viene caricato ogni giorno, dal martedì alla domenica, alle ore 15, sul canale YouTube e rilanciato sui social media Facebook, Twitter, Instagram di MAMbo. Ogni settimana la playlist dei sei video pubblicati viene diffusa tramite il sito web e la newsletter del museo. I temi degli interventi riguardano la collezione permanente MAMbo, il Museo Morandi, le attività di mediazione del Dipartimento educativo e la mostra temporanea “AGAINandAGAINandAGAINand”. [accedi al canale]

Le “pillole” del Museo Archeologico
Brevi pillole video bilingui, pubblicate su Facebook e sul canale YouTube, raccontano personaggi e oggetti tratti da “Ritratti di famiglia”, la mostra che nel 2018 ha ripercorso la formazione delle collezioni del museo e delle più importanti istituzioni culturali di Bologna. Altri video presenti sul canale riguardano una presentazione del museo e delle sue collezioni in Lingua dei Segni (LIS) e un’introduzione alla mostra corrente “Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna”. [accedi al canale]

Storia e Memoria di Bologna: il portale e il canale YouTube del Museo del Risorgimento
Il portale Storia e Memoria di Bologna, a cui si affianca l’omonimo canale YouTube, è un’inesauribile miniera di informazioni, documenti e immagini in grado di soddisfare ogni curiosità sulla storia della città dall’età Napoleonica al 1945, viaggiando nel tempo con un click. [accedi al canale]

I videoclip di presentazione del Museo del Patrimonio Industriale
Sulle pagine Facebook e Instagram del Museo del Patrimonio Industriale una serie di brevi video raccontano la collezione del museo e la storia industriale della città. [vai alla pagina]

I video di presentazione delle mostre nei Musei Civici d’Arte Antica
Sulla pagina Facebook dei Musei Civici d’Arte Antica alcuni brevi video, realizzati dai curatori e da ricercatori, raccontano le mostre, attualmente non visitabili per la sospensione dell’apertura delle rispettive sedi, “Imago splendida” al Museo Medievale e “Il Camino dei Fenicotteri” al Museo Davia Bargellini. [vai alla pagina]

#lapausafapartedellamusica: i videoclip con musicisti al Museo della Musica
Sulla pagina Facebok del Museo della Musica brevi videoclip, realizzati con alcuni musicisti ospiti, raccontano gli oggetti più significativi della collezione del museo, con l’accompagnamento di brani di musica dal vivo. [vai alla pagina]

La Storia #aportechiuse. Le dirette Facebook del Museo del Risorgimento
Un palinsesto di dirette Facebook con diverse voci per condividere insieme l’arte e la storia, trascorrere qualche minuto in compagnia e offrirvi spunti per approfondire da casa eventi, persone, opere d’arte del nostro paese. Al termine di ogni diretta gli utenti possono dialogare con l’autore del contributo video nei commenti al video stesso. Testi, documenti e link di approfondimento sono segnalati in appositi post. [vai alla pagina]

Il nuovo canale YouTube del Museo del Patrimonio Industriale
Da oggi anche il Museo del Patrimonio Industriale ha il suo canale YouTube. Vi troverete video di presentazione del museo e di approfondimento della sua collezione permanente, ed altri contributi dedicati alla storia economico produttiva di Bologna e del suo territorio dal tardo Medioevo all’Età Contemporanea, che il museo studia, documenta e visualizza. [accedi al canale]

La pagina “Percorsi online” sul sito dell’Istituzione
La pagina, in costante aggiornamento, permette di accedere a contenuti informativi e link verso tutte le risorse online disponibili sulle collezioni permanenti dei musei. [vai alla pagina]

Le newsletter
Le newsletter dei singoli musei terranno aggiornati sulle iniziative digitali di questi giorni e sui nuovi contenuti pubblicati nei vari canali. Alcuni esempi. Ogni martedì la newsletter di MAMbo segnala le risorse digitali disponibili per conoscere le sedi espositive afferenti all’Area Arte moderna e contemporanea. La newsletter del Museo Archeologico offre la possibilità di esplorare online le sezioni espositive del museo, gli itinerari tematici di approfondimento su ogni civiltà e un database di circa 2.500 oggetti. Per iscrivervi visitate le pagine “Newsletter” dei siti dei singoli musei, che trovate sul portale dell’Istituzione. [vai alla pagina]

MuseOn: la guida del Museo Archeologico e del Museo Medievale gratuita per tutti
MuseOn, la piattaforma disponibile come app in versione iOS e Android, che presenta due percorsi dedicati alle collezioni del Museo Archeologico e del Museo Medievale, ora è disponibile gratuitamente. L’accesso ai contenuti è reso possibile attraverso due codici QR che trovate sul portale dell’Istituzione. [vai alla pagina]

Il virtual tour del Museo per la Memoria di Ustica
Grazie al progetto di virtual tour elaborato da Virtooall in occasione del XXXIX anniversario della Strage di Ustica, è possibile entrare dentro il Museo per la Memoria di Ustica dove sono conservati i resti dell’aereo DC-9 precipitato in mare il 27 giugno 1980 e la commovente installazione permanente realizzata da Christian Boltanski in ricordo delle 81 vittime. [vai alla pagina]

Lascia un commento