Scultura e teatro protagonisti dei festeggiamenti del quarantesimo anniversario della Fondazione CEIS Onlus.

Doppio appuntamento negli spazi di Casa Padre Marella (via Massarenti, 222), mercoledì 21 settembre e venerdì 30 settembre a partire dalle 17.30, per mostrare alla cittadinanza gli elaborati artistici nati dalla fantasia e dal lavoro degli ospiti della struttura, comunità residenziale per malati di AIDS privi del supporto familiare.

Frutto del progetto “Per superare la paura del diverso oltre Covid19”, promosso da CEIS A.R.T.E. e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, l’iniziativa vede la realizzazione di un laboratorio di scultura e uno di teatro, volti entrambi a migliorare l’offerta di attività soprattutto per chi è impossibilitato a frequentare attività esterne.

Nella giornata di mercoledì 21 settembre è il turno della mostra degli oggetti creati dagli ospiti di Casa Marella, curata dalla scultrice Laura Zizzi in collaborazione con lo scultore Nicola Zamboni. Per l’occasione sarà presente anche un buffet e musica dal vivo.
Il 30 settembre tocca invece al saggio teatrale “Da qualche parte… sopra l’arcobaleno. Alla ricerca di sogni passati e futuri”, che vede in scena ospiti e operatori, guidati e diretti dagli artisti Micaela Casalboni, Caterina Bartoletti e Francesco Izzo Vegliante della compagnia teatrale ITC Teatro dell’Argine.

Entrambi gli appuntamenti mirano ad aprire le porte di Casa Marella e quindi far conoscere una realtà attraverso le storie di chi la vive, invitando tutti i partecipanti a sani spunti di riflessione.

Lascia un commento