E’ una fase molto delicata e difficile questa, una crisi che investe tutta la cittadinanza. Ciononostante l’emergenza Coronavirus non colpisce tutti allo stesso modo. Come spesso accade a pagarne le spese sono le persone più fragili e sole, gli anziani, i precari, i lavoratori. 
Per questo motivo è, più che mai, importante attivarsi nei territori. Arci Bologna insieme al Circolo Arci RitmoLento, che sta coordinando e promuovendo l’iniziativa, lanciano la campagna “Don’t Panic – Organizziamoci” che ha come obiettivo quello di strutturare una rete di volontari nei territori e on-line. 

I volontari potranno eseguire i seguenti interventi:

  • raccolta beni prima necessità, spesa porta a porta, consegna a domicilio di medicinali;
  • servizi di contrasto della solitudine attraverso supporto telefonico e on-line;
  • messa in rete di iniziative culturali, corsi, ecc…

La campagna è promossa e coordinata da: Circolo Arci RitmoLento, Coalizione Civica Bologna, Link Bologna – Studenti Indipendenti, La MALA educación, Radio Leila, Arci Bologna, Piazza Grande, Antoniano onlus, Legambiente Onlus, Libera Bologna, Hayat Onlus, Pensare Urbano, Rigenerazione NO Speculazione, Studenti per l’Ambiente Bologna, Camilla: emporio di comunità, Circolo Arci Guernelli, Mafie Sotto Casa, PORTO 15, Il Manifesto in rete, Approdi.

Per aderire basta scrivere a organizziamocidontpanic@gmail.com.
Per mettersi a disposizione come un/a singolo/a cittadino/a bisogna compilare il form >>.

Per maggiori informazioni:
www.dontpanicbo.it

Lascia un commento