Al via un progetto sperimentale di raccolta rifiuti a domicilio per persone disabili in condizioni di gravità, che vivono da sole e si trovano in difficoltà a conferire i rifiuti presso le isole ecologiche o ai punti di raccolta dell’indifferenziata.

Si tratta di una modalità di raccolta concordata direttamente con i beneficiari, effettuata con criteri di massima sicurezza, che prevede il prelievo della differenziata direttamente al domicilio degli utenti. 

Il servizio sarà attivato in via sperimentale per 50 persone disabili del Comune di Bologna, al fine di testare la fattibilità sul campo.

Per segnalare l’adesione alla sperimentazione, occorre un’autocertificazione comprendente, oltre alle generalità e ai contatti dell’interessato, la dichiarazione di possedere i requisiti per aderire al progetto: la disabilità grave; di vivere autonomamente; e di non essere nella condizione di effettuare la normale raccolta differenziata dei rifiuti.
Le autocertificazioni dovranno poi pervenire all’ufficio del Disability Manager, tramite posta elettronica all’indirizzo: garantedisabilita@comune.bologna.it

Una esperienza di una persona con disabilità motoria nella gestione dei rifiuti >>

Lascia un commento