banner 5x1000 1 di 5

Negli occhi degli studenti ricordo i miei sogni

Categorie carcere: 

di Pasquale Antonio Acconciaioco/Mi trovo in carcere da ormai quattro anni e ogni anno partecipo a un progetto che mi consente d’incontrare molti studenti di varie scuole e di età diverse, dai dodici anni in su. In questo progetto, io e altri dieci detenuti scelti dalla direzione, raccontiamo i motivi per cui siamo finiti in carcere. Ognuno di noi racconta il suo reato e la sua storia di vita. Raccontiamo perché abbiamo scelto di partecipare a questi incontri e spieghiamo loro anche come si vive in carcere e come passiamo le nostre giornate.

Buon Natale ai nostri "quattro" lettori

Categorie carcere: 

di Pasquale Acconciaioco/Cari lettori vi sto scrivendo dal carcere di Bologna. Oggi sono di buon umore e ho pensato di fare gli auguri di buon Natale ai lettori di Ne Vale la pena. Questi giorni speciali sono per tutti l'occasione di riflettere un po', almeno lo spero. Come noi, pensate al passato, vi occupate del presente e progettate il futuro per un mondo migliore. 
Il mio mondo qui va al rallentatore, anzi, in queste festività, alla moviola. Che strane le emozioni: io vorrei che le feste passassero in fetta, invece voi probabilmente sperate che durino a lungo.

Salvaguardare la nostra libertà

Categorie carcere: 

di Daniele Villa Ruscelloni/Chi perde a causa propria la libertà ha un bel da fare per riottenerla e in molti casi per mantenerla. Ovviamente, parliamo di cittadini detenuti che si sono compromessi per le più svariate azioni delittuose. Ora, il tanto citato art. 27 della nostra Costituzione, che sancisce che il percorso punitivo e penitenziario deve tendere alla rieducazione del reo, già lo conosciamo tutti.

L’osservazione della personalità del detenuto a chi spetta?

Categorie carcere: 

di Daniele Villa Ruscelloni/L’osservazione della personalità di un detenuto all’interno di un istituto è parte integrante e fondamentale sul piano trattamentale di condannato. Questa osservazione, di norma, dovrebbe essere intrapresa e accompagnata dagli esperti quali psicologi, criminologi, educatori, personale di polizia penitenziaria, ma anche con l’ausilio di docenti, che quotidianamente si rapportano con il detenuto nello studio e nei vari corsi che si svolgono all’interno del carcere. 

Bruciati “dentro”

Categorie carcere: 

di Daniele Villa Ruscelloni/Da detenuto spesso mi chiedo perché in ogni istituto penitenziario la vivibilità sia peggiore e le cose non funzionino, rispetto a qualsiasi altra struttura pubblica esterna. Una o più risposte ho cercato consapevolmente di darmele.

Finalmente il permesso premio!

Categorie carcere: 

di Osvaldo Broccoli /Dopo più di 20 di carcere ho potuto usufruire di un permesso premio che mi ha consentito di rivedere Bologna vestita a festa. Non sono di questa città, e l’ultima volta che mi è capitato di venirci è stato nel 1996.

L’ultima volta

Categorie carcere: 

di Pasquale Antonio Acconciaioco/Sono le nove meno cinque. L’assistente ci invita a rientrare nelle nostre celle. In questo frangente di tempo in Sezione, dove attualmente risiedo, ci salutiamo, mentre gli amici si augurano la buonanotte. Saluto lo “Zio”, come ogni santo giorno, e, mentre gli stringo la mano, sento i battiti del mio cuore che aumentano e i miei occhi che brillano. Questa volta, l’ultima volta, l’emozione mi tradisce: c’è un luccichio nei mei occhi che ha il sapore delle lacrime.

Io scrivo parole

Categorie carcere: 

di Pasquale Acconciaioco/Mi trovo qui, in un posto orrendo chiamato carcere, un posto sgradevole, dove nessuno vorrebbe mai trovarsi, a scrivere. Scrivo a tutti i bambini del mondo fortunati e non, consigliando loro di non arrendersi mai di fronte alle difficoltà e augurando che i loro desideri si realizzino; ricordandogli di stare lontano dalle droghe: portano solo guai e morte.

In nome del popolo italiano

Categorie carcere: 

di Daniele Lago/Il potere - che sia giuridico, legislativo o amministrativo – recita la Costituzione, è in astratto esercitato “per” e “in nome” del popolo sovrano. Il potere è conferito direttamente o indirettamente in rappresentanza dei cittadini. Nel campo della giustizia il fenomeno che sovente si verifica è alquanto peculiare e a tratti paradossale, e la pratica oggettiva nega il significato del termine.

L’anima della pioggia

Categorie carcere: 

di Pasquale Antonio Acconciaioco/Una mattina, guardando fuori dalle sbarre, ho rivisto dopo tanti anni un oggetto che in carcere non si vede: un signore accompagnava un altro nella palestra del carcere e si riparavano entrambi dalla pioggia con un ombrello.

Pagine

Top