banner 5x1000 1 di 5

"Ne vale la pena" periodico dal carcere della Dozza

Un laboratorio di giornalismo dentro al carcere bolognese. Ogni martedì dal marzo del 2012 una redazione composta da detenuti e volontari s'incontra per parlare della condizione carceraria vista questa volta dall'interno

  • Zombi

    Categorie carcere: 

    di Costantin Catalin Trocan/

    Quando ero bambino mi piacevano le storie dell’orrore. Guardavo tutti i film e leggevo tutti i libri del genere che riuscivo a trovare. Col passare del tempo ho perso questa mia morbosa passione. Gli zombie di George Romero non mi spaventavano più, i personaggi di E.A. Poe o quelli di H.P. Lovecraft avevano smesso per sempre di incutere il terrore. Poco a poco il mondo parallelo nel quale osavo sbirciare a volte è scomparso ma fino a poco tempo fa non mi sono mai chiesto il perché.

  • Zombi

    Categorie carcere: 

    di Costantin Catalin Trocan/

    Quando ero bambino mi piacevano le storie dell’orrore. Guardavo tutti i film e leggevo tutti i libri del genere che riuscivo a trovare. Col passare del tempo ho perso questa mia morbosa passione. Gli zombie di George Romero non mi spaventavano più, i personaggi di E.A. Poe o quelli di H.P. Lovecraft avevano smesso per sempre di incutere il terrore. Poco a poco il mondo parallelo nel quale osavo sbirciare a volte è scomparso ma fino a poco tempo fa non mi sono mai chiesto il perché.

  • Le domande del Keynes

    Categorie carcere: 

    di Marco Baldi/

    Durante il periodo scolastico 2010/11, quando frequentavo l’ultimo anno del corso Sirio per ragionieri, la professoressa di diritto Grazia Zampiccinini accennò a un incontro tra i maturandi dell’istituto Keynes di Castelmaggiore e i loro colleghi senior detenuti presso il Carcere Dozza.
    L’incontro aveva lo scopo di fare conoscere ai ragazzi una realtà per loro sconosciuta e distorta attraverso domande da porre a noi studenti detenuti.

  • Le domande del Keynes

    Categorie carcere: 

    di Marco Baldi/

    Durante il periodo scolastico 2010/11, quando frequentavo l’ultimo anno del corso Sirio per ragionieri, la professoressa di diritto Grazia Zampiccinini accennò a un incontro tra i maturandi dell’istituto Keynes di Castelmaggiore e i loro colleghi senior detenuti presso il Carcere Dozza.
    L’incontro aveva lo scopo di fare conoscere ai ragazzi una realtà per loro sconosciuta e distorta attraverso domande da porre a noi studenti detenuti.

  • Un’Italia da (t)ricolorare

    Categorie carcere: 

    di Domenico Bottari/

    Il momento si avvicina. L’atmosfera si fa calda. Si sfiorano i 40°. Primo luglio 2012, Europei: Italia-Spagna. Il popolo recluso alla Dozza è in trepidante attesa. I minuti passano, i preparativi fervono; F.A (cella 22, braccio B) espone un enorme tricolore affisso al manico della ramazza. Qualche trombetta spernacchiante artigianalmente allestita emette il caratteristico suono a mo’ d’incoraggiamento. Un botto di probabile origine da pacco di pasta vuoto rimbomba dei corridoi.

  • Un’Italia da (t)ricolorare

    Categorie carcere: 

    di Domenico Bottari/

    Il momento si avvicina. L’atmosfera si fa calda. Si sfiorano i 40°. Primo luglio 2012, Europei: Italia-Spagna. Il popolo recluso alla Dozza è in trepidante attesa. I minuti passano, i preparativi fervono; F.A (cella 22, braccio B) espone un enorme tricolore affisso al manico della ramazza. Qualche trombetta spernacchiante artigianalmente allestita emette il caratteristico suono a mo’ d’incoraggiamento. Un botto di probabile origine da pacco di pasta vuoto rimbomba dei corridoi.

Pagine

Top