banner 5x1000 1 di 5

"Ne vale la pena" periodico dal carcere della Dozza

Un laboratorio di giornalismo dentro al carcere bolognese. Ogni martedì dal marzo del 2012 una redazione composta da detenuti e volontari s'incontra per parlare della condizione carceraria vista questa volta dall'interno

  • Benefici della meditazione

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci/

    All’inizio del mese è scomparso il professore Pier Cesare Bori, docente di Storia del Cristianesimo dell’Università di Bologna e titolare della cattedra Unesco per il pluralismo religioso e la pace.
    Portava avanti dal ’99 un gruppo di lettura e di meditazione Vipassan di origine buddhista nella Dozza i cui benefici consistono nella  riduzione dello  stress, controllo della rabbia e accettazione delle proprie condizioni.

  • Benefici della meditazione

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci/

    All’inizio del mese è scomparso il professore Pier Cesare Bori, docente di Storia del Cristianesimo dell’Università di Bologna e titolare della cattedra Unesco per il pluralismo religioso e la pace.
    Portava avanti dal ’99 un gruppo di lettura e di meditazione Vipassan di origine buddhista nella Dozza i cui benefici consistono nella  riduzione dello  stress, controllo della rabbia e accettazione delle proprie condizioni.

  • La speranza è negli affetti che rimangono

    Categorie carcere: 

    di Marco Baldi/

    Entrando in carcere le possibilità di rimanere soli e di perdere il possesso di beni o gli affetti di amici o dei familiari è molto concreto. Chi subisce una condanna e trascorre molto tempo nelle patrie galere, finisce per diventare un appestato messo in un lazzaretto, abbandonato da tutti.
    Paradossalmente ci si ritrova a fare amicizia con persone che hanno subito la stessa sorte, e la tua casa diventa il carcere.

  • La speranza è negli affetti che rimangono

    Categorie carcere: 

    di Marco Baldi/

    Entrando in carcere le possibilità di rimanere soli e di perdere il possesso di beni o gli affetti di amici o dei familiari è molto concreto. Chi subisce una condanna e trascorre molto tempo nelle patrie galere, finisce per diventare un appestato messo in un lazzaretto, abbandonato da tutti.
    Paradossalmente ci si ritrova a fare amicizia con persone che hanno subito la stessa sorte, e la tua casa diventa il carcere.

  • Brasile: “Redenzione attraverso la lettura”

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci/
    Questo è il titolo del progetto varato dal Ministero della Giustizia brasiliano. In quattro carceri speciali i detenuti avranno la possibilità di scegliere un libro e di leggerlo. Se lo terminerà entro un mese, avrà quattro giorni in meno da scontare. In un anno si potranno leggere al massimo dodici libri, ottenendo la possibilità di uscire quarantotto giorni prima. Per accertarsi che abbiano letto, saranno interrogati da una commissione interna alla quale presenteranno una breve tesi.

  • Brasile: “Redenzione attraverso la lettura”

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci/
    Questo è il titolo del progetto varato dal Ministero della Giustizia brasiliano. In quattro carceri speciali i detenuti avranno la possibilità di scegliere un libro e di leggerlo. Se lo terminerà entro un mese, avrà quattro giorni in meno da scontare. In un anno si potranno leggere al massimo dodici libri, ottenendo la possibilità di uscire quarantotto giorni prima. Per accertarsi che abbiano letto, saranno interrogati da una commissione interna alla quale presenteranno una breve tesi.

  • Suicidi in carcere/Morti Bleu

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci

    L’Eap, Ente di assistenza per il personale dell’amministrazione penitenziaria, ha stanziato 76 mila euro per pagare un corso di formazione per insegnare appropriate tecniche antistress ai comandanti delle carceri. Certo che con le tecnologie di oggi, internet, videoconferenze skype, opensource è un vero spreco di risorse.

  • Suicidi in carcere/Morti Bleu

    Categorie carcere: 

    di Luciano Martucci

    L’Eap, Ente di assistenza per il personale dell’amministrazione penitenziaria, ha stanziato 76 mila euro per pagare un corso di formazione per insegnare appropriate tecniche antistress ai comandanti delle carceri. Certo che con le tecnologie di oggi, internet, videoconferenze skype, opensource è un vero spreco di risorse.

Pagine

Top