banner 5x1000 1 di 5

Bilancio partecipativo 2018: online i progetti dei cittadini. Si vota dal 30 ottobre al 19 novembre

Migliorare le aree verdi, incentivare la mobilità sostenibile, recuperare spazi ed edifici, valorizzare le bellezze culturali e naturalistiche del territorio, favorire la vivibilità, l’accessibilità, lo sport, l’arte, il gioco e le occasioni per stare insieme: questi gli obiettivi trasversali dei 33 progetti elaborati da numerose e composite comunità di cittadini per il Bilancio partecipativo 2018.

Bologna is fair: la mappa dei luoghi che seguono i criteri dell'economia sostenibile

Mangiare e bere, dormire, servizi, alimentari, cosmesi e benessere, moda e accessori, baby friendly, muoversi green, mercati contadini, equo e solidale, intrattenimento e cultura: sono le 11 categorie in cui sono suddivise le 63 realtà mappate di "Bologna is fair", la mappa cartacea e online delle realtà commerciali, imprenditoriali, ristorative e di cooperazione di Bologna che rispondono ai criteri dell'economia sostenibile.

Torna all'Antoniano "La Scuola del Pane": corsi solidali di cucina con grandi chef

Pronti a mettere le mani in pasta? Al via la seconda edizione de “La Scuola del Pane” organizzata da Antoniano Onlus. I grandi della cucina insegneranno i segreti per preparare pane, pizza e dolci: Gino Fabbri, Matteo Aloe, Matteo Calzolari e  Antonio Di Benedetto, impasteranno insieme solidarietà, ingredienti di qualità e condivisione

BE Sustainable! Il blog dei ragazzi dell'Emilia-Romagna a favore della sostenibilità

Nasce BE Sustainable!, il blog gestito da ragazzi Under18 per diffondere notizie e curiosità sulla sostenibilità. Si tratta di uno spazio per dare voce ai ragazzi emiliano-romagnoli e vedere la realtà attraverso i loro occhi: eventi, buone prassi e idee dai nostri territori attorno al tema della sostenibilità, degli SDGs e del pianeta che cambia.

"Le tue scarpe al centro": porta le tue scarpe nei punti di raccolta per dare loro nuova vita

"Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose, dove va, cosa fa, dove è stata", diceva Forrest Gump nel famoso film. Ma cosa ne è di tutte quelle scarpe che buttiamo via, consumate e rotte, un po’ fuori moda? La storia che sta sotto le suole delle tue vecchie scarpe da ginnastica può diventare parte della storia dei bambini del Comune di Amandola, colpito dal sisma nel 2016.

Torna Terra Equa, il festival dedicato al commercio equo e solidale

Sono tanti i fili che compongono una T-shirt, tanti quanto le persone coinvolte nella sua produzione, le piante utilizzate, gli scarti prodotti, i chilometri di strada percorsi e le ore che quella maglietta ha trascorso su uno scaffale di un negozio con l’aria condizionata sparata. Eppure, quella T-shirt l’abbiamo pagata pochi euro. Il basso costo che paghiamo, spesso nasconde condizioni non giuste e prezzi che pagheremo poi negli anni.

Tre progetti virtuosi di agricoltura sociale, vincitori del premio "Social Farming in the Apennines" di Greename Italia

A dicembre dello scorso anno si è chiusa Social Farming in the Apennines, la prima call for projects di Fondazione Grameen Italia ispirata al Modello Social Farm. L’obiettivo era sostenere economicamente l'agricoltura con finalità sociali, capace di rivitalizzare l'economia dell’Appennino bolognese e al tempo stesso dare impiego a persone svantaggiate.

"Bologna incontra il Vietnam!" Crowdfunding per ospitare una produttrice dal Vietnam al Festival Terra Equa

Vestirsi è una necessità ed è qualcosa che facciamo ogni giorno, scegliendo dall’armadio quale capo indossare e, nei negozi, quali modelli e tessuti acquistare. Ma vestirsi è anche un atto che ha risonanze nel mondo in cui viviamo perché ci collega al resto dell’umanità. I fili della nostra maglietta da dove provengono? Come vive chi ha cucito le maniche al nostro abito? E siamo sicuri che il materiale dei nostri stivali sia solidale col mondo? Il basso costo che paghiamo, spesso nasconde condizioni non giuste e prezzi che pagheremo poi negli anni.

Pagine

Top