martedì 22 gen 2019
banner 5x1000 1 di 5

Forum Terzo settore Emilia Romagna

Il Forum del Terzo Settore è un coordinamento di organizzazioni no profit che opera a livello nazionale, regionale e territoriale con l'obiettivo di promuovere il riconoscimento del terzo settore quale organismo di rappresentanza della società civile e soggetto della concertazione tra Istituzioni, forze economiche e parti sociali. Il Forum Terzo Settore Emilia Romagna si propone come luogo di scambio e coordinamento tra le organizzazioni regionali di volontariato, promozione sociale e cooperazione sociale e internazionale, promuovendo il confronto e la concertazione con le Istituzioni e gli altri attori sociali regionali.

  • Reggio Terzo Mondo promuove un workshop teatrale sul tema della pace

    Territorio: 

    Nell'ambito della rassegna "eVenti di pace", promossa dalla Scuola di Pace di Reggio Emilia con l'obiettivo di educare la cittadinanza alla nonviolenza, la Onlus Reggio Terzo Mondo promuove un workshop teatrale rivolto ai ragazzi fra i 15 e i 20 anni, condotto da "Al Harah Theatre", un'organizzazione no profit che sta cercando di dar vita alla prima scuola di arte drammatica in Palestina.
    L'iniziativa si terrà domenica 1° giugno, a partire dalle ore 15, nel centro di Reggio Emilia.

  • Reggio Terzo Mondo promuove un workshop teatrale sul tema della pace

    Territorio: 

    Nell'ambito della rassegna "eVenti di pace", promossa dalla Scuola di Pace di Reggio Emilia con l'obiettivo di educare la cittadinanza alla nonviolenza, la Onlus Reggio Terzo Mondo promuove un workshop teatrale rivolto ai ragazzi fra i 15 e i 20 anni, condotto da "Al Harah Theatre", un'organizzazione no profit che sta cercando di dar vita alla prima scuola di arte drammatica in Palestina.
    L'iniziativa si terrà domenica 1° giugno, a partire dalle ore 15, nel centro di Reggio Emilia.

  • Un protocollo d’intesa per l’educazione degli adulti, siglato da Auser, Cgil e Spi

    Auser Nazionale, CGIL e Sindacato Pensionati Italiani (SPI) CGIL hanno varato un protocollo sull’educazione permanente degli adulti, con l’obiettivo di sostenere tutti coloro, soprattutto gli anziani, che, pur avendo studiato, hanno oggi competenze alfabetiche molto deboli.Attualmente, infatti, pur essendo poche le persone con un totale analfabetismo, restano molti gli anziani che non sono in grado di comprendere o elaborare un testo scritto, di padroneggiare le regole essenziali del calcolo, di riconoscere e utilizzare il linguaggio iconico.Per far fronte a questa situazione, Auser e CGIL

  • Un protocollo d’intesa per l’educazione degli adulti, siglato da Auser, Cgil e Spi

    Auser Nazionale, CGIL e Sindacato Pensionati Italiani (SPI) CGIL hanno varato un protocollo sull’educazione permanente degli adulti, con l’obiettivo di sostenere tutti coloro, soprattutto gli anziani, che, pur avendo studiato, hanno oggi competenze alfabetiche molto deboli.Attualmente, infatti, pur essendo poche le persone con un totale analfabetismo, restano molti gli anziani che non sono in grado di comprendere o elaborare un testo scritto, di padroneggiare le regole essenziali del calcolo, di riconoscere e utilizzare il linguaggio iconico.Per far fronte a questa situazione, Auser e CGIL

Pagine

Top